TAPING ELASTICO®: UNA METODOLOGIA LOGICA E DI FACILE APPRENDIMENTO

TAPING ELASTICO®: UNA METODOLOGIA LOGICA E DI FACILE APPRENDIMENTO
  1. Metodo decompressivo
  2. Metodo stabilizzante
Il metodo decompressivo sfrutta la formazione di particolari convoluzioni per ottenere un effetto “ventosa” sulla cute. Tali convoluzioni hanno capacità di diminuire lo stato di compressione dei tessuti, facilitando il flusso ematico, linfatico e neurologico. Inoltre, attraverso tale tecnica, le strutture aponeurotiche trovano minori impedimenti nello scorrimento(1) vicendevole. Questo principio è utilizzabile in tutte quelle condizioni in cui è utile favorire l’apporto ematico come nelle contratture o dove è utile favorire il deflusso di liquidi come nelle infiammazioni e negli edemi in generale. Il metodo stabilizzante, ha invece lo scopo di potenziare il tono muscolare attraverso un aumento del reclutamento di unità motorie e ciò avviene per riflesso cutaneo(2).  Questo principio è utile ogni qualvolta desideriamo aumentare la forza di un distretto muscolare, come ad esempio:
  1. nel miglioramento della performance
  2. nella prevenzione infortuni
  3. nel recupero da traumi e da chirurgie
  4. nelle correzioni posturali
La metodologia Taping Elastico® rappresenta quindi uno strumento utilizzabile sia da professionisti sanitari, per il miglioramento di sintomi o stati patologici, sia da professionisti che operano nel campo della salute, per agevolare le naturali risorse dell’organismo. BIBLIOGRAFIA
  1. Aguilar-Ferrándiz ME, Castro-Sánchez AM, Matarán-Peñarrocha GA, García-Muro F, Serge T, Moreno-Lorenzo C. Effects of Kinesio Taping on Venous Symptoms, Bioelectrical Activity of the Gastrocnemius Muscle, Range of Ankle Motion, and Quality of Life in Postmenopausal Women With Chronic Venous Insufficiency: A Randomized Controlled Trial. Arch Phys Med Rehabil. 2013 Jun 13.
  2. Costantino C, Licari O, Granella F, Sghedoni S. Neuromuscular taping in multiple sclerosis. A pilot study. Acta Biomed. 2012 Aug;83(2):103-7.