Cos’è l’Elasto Taping e Come Funziona

Spesso in tv e dagli operatori della salute, si sente parlare di un nuovo trattamento e approccio, che continua a rivelarsi sempre più efficace, l’elasto taping, ma molti non sanno esattamente di cosa si tratti. L’elasto taping, spesso definito kinesio taping e oggi conosciuto come Taping Elastico®, è una forma particolare di bendaggio, che serve in molti casi a ripristinare l’equilibrio corporeo, migliorare la postura, le performance e drenare i liquidi di ristagno, sollevando così dai dolori a carico di articolazioni e muscoli e favorendo la libertà di movimento. Questo metodo, ha ottenuto un grandissimo successo tra gli atleti professionisti. E’ possibile vedere “in azione” durante qualsiasi evento sportivo trasmesso in tv, è utilizzato da calciatori, tennisti, runner, boxer, e molti altri atleti.  

Chi ha inventato l’Elasto Taping?

Le origini del metodo oggi definito Elasto Taping, sono riconducibili al continente asiatico, dove il dott. Kenzo Kase, chiropratico e agopuntore giapponese, elaborò concetti che stavano maturando in quel periodo a fianco della pratica del bendaggio.  

Come Funziona l’Elasto Taping?

L’elasto taping funziona applicando un particolare cerotto, conosciuto come Tape Elastico®, reperibile al sito www.tapingelastico.com. I bendaggi sono generalmente colorati, composti in materiale completamente anallergico e traspirante, che non comportano alcun pericolo per la pelle a seguito della loro rimozione. La bontà dell’elasto taping rispetto agli altri tipi di bendaggi, consiste in una peculiarità che lo rende superiore e più conveniente a chi non vuole avere difficoltà nei movimenti. Con l’elasto taping, infatti, i movimenti non vengono in alcuna maniera compromessi, anzi, vengono finanche coadiuvati, tanto che molti lo utilizzano per uno scopo funzionale più che medico, operando come un vero e proprio sostegno meccanico per i movimenti degli atleti (e non solo). Chi utilizza già l’elasto taping non è costretto a smettere di effettuare eventuali altri trattamenti, ai quali, invece, risulta di supporto.